L'ape ha morso: cosa è necessario fare, se è obbligatorio consultare un medico? Cosa fare se un'ape ha morso: primo soccorso

La stagione estiva differisce non solo con il clima caldo, ma anche con il rischio di mordere insetti pericolosi, tra cui le api.

Considera più in dettaglio che cosa devi fare se sei morso da un’ape e come prevenirlo.

Cosa fare se un’ape ha morso: sintomi

Riconoscere il morso dell’ape è facile, perché di solito è accompagnato da tali sintomi:

1. Punti appuntiti o dolori da forno sul sito del morso.

2. Rossore del sito morso.

3. L’aspetto di un punto bianco nella zona di penetrazione della puntura.

4. L’inizio del gonfiore nel sito del morso.

5. Aspetto di una piccola eruzione cutanea e prurito vicino alla zona interessata della pelle.

Inoltre, a volte un morso di ape può causare una forte reazione allergica negli esseri umani. I sintomi di esso possono essere:

1. Nausea e vomito.

2. Mal di testa.

3. Capogiri.

4. Convulsioni.

5. Aumento della frequenza cardiaca e dell’impulso.

6. L’aspetto del sudore freddo.

7. Salti acuti della pressione sanguigna.

8. Brividi.

9. Una condizione simile a un attacco d’asma.

10. Prurito su tutto il corpo.

11. Grave gonfiore del sito morso.

12. Aumento della temperatura corporea.

13. Debolezza.

14. Difficoltà nella respirazione a causa del grave gonfiore della laringe e del collo.

15. Perdita di coscienza.

Importante sapere, che in alcune persone questa reazione allergica è particolarmente acuta. Si verifica già nei primi minuti dopo la puntura dell’ape e può portare ad un arresto cardiaco, pieno di soffocamento o shock anafilattico. La maggior parte dei bambini piccoli con allergie acute al veleno delle api sono inclini a questo risultato.

Vale anche la pena menzionare circa la reazione che si verifica dopo che un’ape colpisce l’occhio. Il fatto è che questo organo è molto sensibile e reagisce istantaneamente a qualsiasi irritazione. Come risultato, già il primo minuto dopo la lesione, una persona inizia a soffrire di una abbondante fuoriuscita di liquido lacrimale, un forte edema della palpebra e del viso.

Nonostante una condizione così difficile, il gonfiore è solo la metà del problema. Il rischio di intorpidimento del volto e lo sviluppo di soffocamento in un paziente dopo un morso di ape è un grande pericolo. Per questo motivo, subito dopo l’incidente, è necessario chiamare un medico il più presto possibile.

Cosa fare se una persona viene morsa da un’ape: regole di primo soccorso

La classica tecnica di primo soccorso dopo una puntura d’ape fornisce questo:

1. Prima di tutto, dovresti essere calmo, poiché lo stress provoca una rapida frequenza cardiaca e un aumento delle contrazioni respiratorie. Questo, a sua volta, porta a una diffusione ancora più rapida del veleno nel sangue e peggiora le condizioni del paziente.

2. Successivamente, è necessario ispezionare attentamente il sito del morso. Se c’è un pungiglione lasciato lì (di solito succede), quindi dovrebbe essere rimosso con una pinzetta, che dovrebbe essere pretrattato con alcol.

Con l’aiuto delle unghie, sarà difficile rimuovere la puntura, ed è scomodo. Questo causerà solo un ulteriore dolore alla persona, e inoltre, sotto le unghie c’è sempre un intero “gregge” di microbi che può facilmente provocare l’infezione nei tessuti molli.

Importante sapere, che più a lungo rimane il pungiglione nel corpo della vittima, più velocemente il veleno si diffonde attraverso il corpo. Per questo motivo, è necessario estrarlo con attenzione, ma allo stesso tempo rapidamente.

3. Successivamente, è necessario inumidire un pezzo di benda sterile in alcool o perossido e attaccarlo alla ferita.

4. Per rimuovere il gonfiore, è possibile utilizzare un impacco freddo (ghiaccio avvolto in un asciugamano). Applicarlo non può essere più lungo di dieci minuti, in modo da non causare una violazione della circolazione sanguigna.

5. La persona ferita dovrebbe assolutamente dargli una bevanda di tè forte per riempire il liquido nel corpo. Questo è necessario per combattere il veleno.

6. Coloro che sono allergici al veleno delle api dovrebbero sempre avere un passaporto speciale con informazioni che descrivono i possibili sintomi e come trattarli.

Inoltre, chi soffre di allergia deve portare una siringa confezionata e un set di medicinali necessari. Di solito tali antistaminici sono chiamati Claritin o Dimedrol. Possono davvero salvare la vita di una persona dopo un improvviso morso di un’ape in un posto lontano dai medici.

7. Dopo un morso, è importante osservare le condizioni del paziente. Se il suo alito è rotto, tosse, pallore e brividi compaiono, allora tale persona dovrebbe essere coperta con bottiglie d’acqua calde e coperte con una coperta.

Per normalizzare la pressione, la vittima può dare 20 gocce di Cardiamine.

8. Se una persona inizia a soffocare, allora deve dare due compresse di Dimedrol. Rimuoveranno le manifestazioni di allergia e ridurranno il peso sul cuore.

9. Dopodiché, è necessario consegnare il paziente all’ospedale il prima possibile.

10. Prima dell’arrivo dei medici di una persona, non si può essere lasciati soli, perché in qualsiasi momento può peggiorare. Allo stesso tempo, c’è un alto rischio di arresto cardiaco.

Se la vittima ha tutti i segni di insufficienza cardiaca (dolore toracico, mancanza di respiro, tosse, letargia, disturbi del ritmo cardiaco), allora dovresti fare un massaggio cardiaco indiretto e una respirazione artificiale.

Per trenta clic devi fare due respiri completi. È importante non esagerare e rompere le costole della persona, poiché tale danno peggiora solo la respirazione e provoca tutta una serie di conseguenze indesiderabili.

Per quanto riguarda la respirazione più artificiale, è meglio non “bocca a bocca”, ma “naso a naso”. Ciò è spiegato dal fatto che il paziente può avere una lingua dopo un morso dopo il morso, quindi l’aria non entra nei polmoni. Se usi l’aria nel naso, allora c’è la possibilità di riprendere il normale processo respiratorio.

Mi morsi la spalla: cosa non fare

Nel processo di fornire il primo soccorso, è molto importante non danneggiare. Per fare questo, leggi ciò che non puoi fare dopo una puntura d’ape:

1. Non puoi premere un’ape che punge, poiché un insetto morto assegnerà ancora veleno e anche in grandi quantità. Inoltre, le api si sentono la rabbia dell’altro e possono anche attaccare in modo massiccio se si sentono minacciate.

2. È vietato spremere il veleno da una ferita, poiché tali azioni non riducono l’effetto tossico, ma invece causano danni. Il luogo colpito diventerà non solo gonfio, ma anche ferito e possibilmente infetto (se i germi entrano in esso).

3. Non puoi pettinare il posto del morso, in quanto ciò non farà che aumentare il prurito e il gonfiore. Inoltre, una persona può portare accidentalmente un’infezione, che porterà alla suppurazione della ferita.

4. Non è consigliabile dopo un morso di un’ape prendere dell’alcool, nella speranza che ciò riduca l’effetto del veleno. In realtà, tutto è esattamente l’opposto – l’alcol promuoverà l’espansione dei vasi sanguigni, che porterà ad una diffusione ancora maggiore di veleno.

5. È severamente vietato applicare argilla, terra o rilasciare l’arto interessato nell’acqua dei fiumi, poiché minaccia l’infezione da tetano.

6. Dopo una puntura d’ape, non puoi prendere sonniferi perché aumentano solo l’effetto del veleno.

7. Se non capisci le medicine, allora non dovresti automedicare e prendere “tutto ciò che è a casa”. In tal caso, è meglio chiamare un medico.

L’ape ha morso: cosa fare e come trattare

Dopo aver morso l’ape, è meglio prendere immediatamente antistaminici. Non solo riducono il prurito, ma rimuovono anche tutti gli altri sintomi spiacevoli.

Come trattamento esterno, puoi utilizzare questi strumenti:

1. Unguenti con effetto antistaminico (preferibilmente per pelli sensibili). Con questo compito affronta bene Psylo-balm o Fenistil-gel. Questi farmaci raffredderanno la ferita e rimuoveranno il rossore.

2. Se il morso si è verificato in natura, allora invece di unguenti puoi usare le erbe, per esempio le foglie di piantaggine.

3. L’olio d’oliva ha un effetto curativo pronunciato. Inoltre, rimuove irritazioni e arrossamenti. Applicalo su una benda e applicalo sull’area interessata.

Cosa fare se un’ape ha morso: regole di protezione

Per evitare punture di api, è necessario ricordare questi suggerimenti:

1. Quando appare un’ape, non puoi agitare le mani.

2. Non puoi uccidere un’ape se uno sciame di api si trova nelle vicinanze.

3. Prima di poter rompere tende in natura, è necessario ispezionare attentamente l’area per la presenza di api e altri insetti pericolosi.

4. Non puoi camminare a piedi nudi sull’erba, dato che puoi calpestare l’ape.

5. Quando si viaggia verso la natura, è meglio vestire abiti dai colori neutri, poiché i colori vivaci attirano l’attenzione di questi insetti.

6. Prima di partire per la natura, è meglio non usare profumi e altre sostanze odorose, poiché questo attirerà anche le api.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 5 = 1