Infiammazione delle emorroidi: cause e sintomi. Metodi di trattamento dell'infiammazione delle emorroidi, prevenzione delle complicanze

L’infiammazione delle emorroidi è una manifestazione abbastanza frequente della forma cronica di emorroidi, che è accompagnata da una serie di sensazioni spiacevoli nel paziente. Questa condizione richiede un trattamento immediato, poiché altrimenti può causare pericolose complicazioni nella salute umana. Considera più in dettaglio i sintomi dell’infiammazione delle emorroidi e i modi per curare questo disturbo.

Infiammazione delle emorroidi: cause

Esacerbazione di emorroidi può verificarsi per vari motivi. Il più delle volte provoca tali fattori:

1. Stress e forte tensione nervosa.

2. Stitichezza costante.

3. Tentativi di defecazione.

4. Gravidanza, soprattutto nelle ultime fasi del suo corso.

5. Il periodo del campo di nascita, specialmente se la donna in travaglio ha subito traumi alla nascita. In questo caso, l’infiammazione delle emorroidi si verificherà con attacchi intensi e tentativi che hanno portato allo stiramento delle vene emorroidali.

6. sollevamento pesante o attività fisica eccessiva.

7. Fumo e uso frequente di bevande alcoliche, che irritano la cavità del retto e delle emorroidi.

8. Consumo frequente di cibi grassi o piccanti.

9. Eccesso di cibo.

10. Stile di vita sedentario e totale mancanza di carico atletico sul corpo.

11. Obesità.

12. Aumento della pressione intra-addominale.

13. Varie malattie vascolari.

14. Potenza “a secco”.

Infiammazione delle emorroidi: sintomi e segni di patologia

L’infiammazione delle emorroidi è quasi sempre accompagnata da sintomi pronunciati. Di solito, con forma acuta di emorroidi, i pazienti soffrono di tali segni di malattia:

1. Miseria e debolezza.

2. Dolore durante la defecazione.

3. Aspetto di secrezioni sanguinose o mucose dopo la defecazione.

4. Bruciore e prurito nell’ano.

5. Sensazione di un corpo estraneo nell’ano.

6. Disagio nel retto.

7. Prolasso parziale del nodo emorroidario.

8. Febbre.

9. Dolore all’addome.

10. Edema del nodo emorroidario e il suo ingrandimento.

I proctologi avvertono che anche quando compaiono i primi segni di infiammazione acuta o cronica dei nodi emorroidali, si dovrebbe consultare un medico il più presto possibile e condurre una diagnosi.

L’infiammazione cronica delle emorroidi è divisa in tre gradi separati, ognuno dei quali è accompagnato dai suoi sintomi:

1. Il primo grado di infiammazione (infiammazione cronica precoce dei nodi) è caratterizzato dalle seguenti manifestazioni:

• comparsa di terribili dolori di raspiruyuschih in un retto;

• dolore mentre si sta seduti;

• sensazione di bruciore e annodamento.

2. Il secondo grado della malattia è accompagnato da tali manifestazioni:

• un forte aumento della temperatura corporea nel paziente;

• dolore durante la defecazione, che è aggravato dopo il consumo di cibi acuti e grassi, così come dopo lo sforzo fisico, lo stress o l’assunzione di alcool;

• iperemia della regione anale;

• Rilevamento di nodi stretti nella ricerca delle dita.

Questo grado di malattia di solito passa con un grado medio di gravità. A volte anche in questo stato una persona può soffrire e non andare dal medico. Questo sarà il suo errore principale, poiché in assenza di trattamento il secondo grado di infiammazione dei nodi passerà all’ultimo, il terzo.

3. Il terzo grado di infiammazione delle emorroidi ha tali segni e sintomi:

• aumento della temperatura corporea;

• emorragia costante di emorroidi (manifestata non solo durante la defecazione, ma anche con inclinazioni, sforzo fisico o semplicemente camminando);

Gonfiore delle emorroidi e della loro sporgenza verso l’esterno dal retto;

• Diffondere il dolore acuto che provoca uno spasmo;

• minzione involontaria o viceversa, la sua detenzione a causa di spasmo muscolare riflesso;

• un cambiamento nel colore delle emorroidi dal rosa al blu o al cremisi;

• paraproctite;

• dolore, dando all’addome inferiore, al coccige e alla parte bassa della schiena.

Infiammazione delle emorroidi: diagnosi e trattamento

Se c’è un sospetto di infiammazione delle emorroidi, dovresti consultare un proctologo. Eseguirà un esame del dito rettale e rivelerà il grado di abbandono della malattia.

Inoltre, è necessario sottoporsi a tali procedure e fare dei test:

• analisi generale del sangue e delle urine;

• Ultrasuoni della cavità addominale;

• Retromanoscopia.

Il trattamento delle emorroidi è selezionato individualmente per ciascun paziente, a seconda della gravità, della gravità della patologia e della sintomatologia osservata. La terapia tradizionale ha queste caratteristiche:

1. Al paziente vengono prescritti farmaci antinfiammatori medicinali con un effetto complesso. Possono essere sotto forma di compresse o sotto forma di supposte rettali (Sollievo, Anuzol, Proctosedil).

2. A temperatura elevata vengono usati farmaci antipiretici.

3. Analgesici e antispastici sono prescritti per la sindrome da dolore grave (Paracetamolo, No-shpa).

4. Preparativi per la normalizzazione delle feci e della digestione (Filak forte, Mezim).

5. Farmaci che rimuovono edema e hanno un effetto antimicrobico

6. Unguenti locali che devono essere applicati alla zona dell’ano (Proctoglyverol, Proctosildil).

7. Farmaci lassativi (Dufalac).

8. Supposte rettali (Nigepan).

Di regola, la durata dell’uso dei suddetti medicinali non deve superare i 7-10 giorni. Se durante questo periodo il paziente non migliora e l’infiammazione non scompare, viene prescritto al paziente un trattamento chirurgico. Prevede la rimozione completa di una o più emorroidi.

In questo caso, l’operazione stessa non è molto complicata. Inoltre, le tecniche moderne ti permettono di liberarti dei nodi con un trauma minimo, senza fare grandi incisioni dell’intestino, ecc.

Una caratteristica molto importante del trattamento delle emorroidi è l’aderenza a una dieta speciale, che ha lo scopo di normalizzare e alleviare le feci. Per questo, il paziente dovrebbe seguire tale consiglio:

1. Un giorno per bere almeno due litri di acqua pulita senza gas.

2. Abbandonare l’uso di alimenti grassi e piccanti, nonché da salse, spezie, tutti i tipi di cibi affumicati e cibi salati.

3. Arricchisci la tua dieta con prodotti come prugne, datteri, mirtilli, barbabietole e uvetta. Miglioreranno la digestione e avranno un effetto lassativo.

4. Arricchisci il menu con verdure bollite, frutta e succhi di frutta.

5. Per escludere dalla dieta tutti i prodotti di farina, maccheroni, dolci e cioccolato. Devi anche smettere di usare il caffè.

6. È desiderabile mangiare spesso, ma in piccole porzioni.

7. Eliminare completamente la ricezione di bevande alcoliche e smettere di fumare.

8. Aggiungi al menu vari oli vegetali (olivello spinoso, oliva, pesca, ecc.). Aiuteranno anche a migliorare le feci.

Infiammazione delle emorroidi: trattamento e consulenza di un medico

Durante il trattamento, il paziente deve seguire le raccomandazioni di questi medici:

1. Osservare regolarmente l’igiene dell’ano.

2. Di tanto in tanto, pulire i nodi infiammati con un panno umido disinfettante per impedire l’ingresso di germi e ancora più infiammazioni.

3. Al momento del trattamento, è importante evitare lo stress e l’esercizio fisico.

4. È utile fare bagni sedentari con l’aggiunta di decotti alle erbe (camomilla, calendula, salvia, corteccia di quercia).

5. Rimuovere dalla carta da toilette oggetti ruvidi e irritanti.

6. Fai un lavaggio dopo ogni atto di defecazione.

7. Indossa biancheria intima morbida e confortevole. In questo caso è desiderabile che non venga premuto ovunque ed è stato realizzato con tessuti naturali (cotone).

8. Da due a tre volte alla settimana si possono ottenere microclasti oleosi che hanno un effetto anti-infiammatorio. È anche utile di notte per usare supposte rettili oleosi.

9. Puoi preparare tu stesso le supposte rettali. Per fare questo, mescolare il succo di aloe, burro e miele. Tali supposte elimineranno rapidamente l’infiammazione e aiuteranno a guarire le ferite.

È importante sapere, che se inizi il corso di questa condizione, allora può causare una complicazione sotto forma di trombosi di emorroidi. In questo caso, una persona accumula masse trombotiche nei nodi e nelle vene traumatizzate.

Di conseguenza, il paziente può avere gravi emorragie e iniziare l’infezione.

Per evitare questo, devi solo iniziare il trattamento giusto in tempo e non eseguire emorroidi croniche.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

79 − 72 =